Fondazione Caldesi
La Fondazione “Scuola di Pratica Agricola Furio Camillo Caldesi”, dal 1910, si propone lo sviluppo dell'istruzione e della cultura in ambito agricolo attraverso corsi, convegni, manifestazioni e curricoli scolastici.
L'Istituto Agrario
Sulla proprietà della Fondazione Caldesi, rappresentata da fabbricati scolastici e da un podere di circa 13 ettari, dal 1962, opera l’Istituto Professionale Statale ai Servizi per l’Agricoltura e lo Sviluppo Rurale.
Villa Orestina
In una villa, denominata Villa Orestina, adibita a centro didattico, la fondazione Caldesi organizza corsi, manifestazioni, mostre finalizzati al miglioramento della cultura professionale nel settore agro-ambientale.

SCUOLA DI PRATICA AGRICOLA

“Furio Camillo Caldesi”

ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER L’AGRICOLTURA E L’AMBIENTE

Su una parte del patrimonio della fondazione Caldesi, rappresentato da una serie di fabbricati  e da un  circostante podere della superficie di 13 ettari, nel 1962 viene inaugurato l’Istituto Professionale di Stato per l’Agricoltura di Faenza.
E’ infatti con un documento a firma del prof. Augusto Rinaldi Ceroni (primo Preside dell’Istituto) che l’8 settembre 1962, , si annuncia l’apertura dell’Istituto Professionale per l’Agricoltura.
E’ comunque importante e doveroso ricordare l’operato del dott. Cesare Patuelli, divenuto presidente della fondazione Scuola Caldesi nel 1957, il quale con una serie di provvedimenti e iniziative creò le premesse perché il suo successore, cav. Giovanni Dalle Fabbriche, potesse portare vittoriosamente in porto l’impegno di far sorgere dalla vecchia Scuola di Pratica agricola un moderno Istituto per l’Agricoltura.
 
Nel 1961 infatti il presidente Dalle fabbriche, interpretando i desideri delle categorie interessate, delle amministrazioni locali, di enti ed associazioni varie, scriveva al Ministero della Pubblica Istruzione chiedendo che venisse concessa ed attuata l’istituzione di un “Istituto Professionale di Stato per l’Agricoltura”, mettendo a disposizione il fabbricato scolastico e l’azienda agricola della Fondazione F. C. Caldesi.
In tempi brevi il Ministero accettò la richiesta, disponendo l’apertura dell’Istituto a partire dall’anno scolastico 1962/63.
 
 
In breve l’Istituto di “Persolino”, così chiamato in riferimento al sito geografico su cui sorge,  si affermò conquistando la fiducia della popolazione e assolvendo in modo egregio le richieste e le esigenze dell’agricoltura, giocando sempre un ruolo determinante per l’innovazione tecnologica e professionale degli operatori del mondo agricolo.
L’agricoltura ed in generale le attività produttive del settore si evolvono in modo rapido e con tecnologie sempre più innovative e di conseguenza anche l’ordinamento scolastico si è adeguato con un generale rinnovamento dei programmi e degli indirizzi e cambiando  l’originario nome.
 
Si è passati infatti da Istituto Professionale per l’Agricoltura, del 1961, a Istituto Professionale per l’Agricoltura e l’Ambiente,  nel 1992, fino all’attuale Istituto Professionale Statale Servizi per l’Agricoltura e lo Sviluppo Rurale.
Da iniziali corsi professionali biennali volti a formare: “frutticoltori”, “meccanici agricoli” e “cantinieri” si è passati, con il “progetto 92”,  a nuovi profili professionali: qualifiche triennali per “operatori agro-ambientali” e diplomi di maturità per “agrotecnici”.
 

Con la riforma scolastica  che verrà attuata a partire dall’anno scolastico 2010/2011, per i futuri diplomati, si prevedrà un ulteriore consolidamento delle competenze relative alla valorizzazione, produzione e commercializzazione dei prodotti agrari ed agroindustriali. L’Istituto Professionale per l’Agricoltura e l’Ambiente cambierà il suo nome in Istituto Professionale Statale Servizi per l’Agricoltura e lo Sviluppo Rurale continuando comunque a rilasciare sia qualifiche professionali di “Operatore agricolo”, al termine dei tre anni, che diplomi di “Tecnico per l’Agricoltura e lo sviluppo rurale” al termine del percorso quinquennale.

         

         

         

         

         

         

         

         

Le news del sito